Per le vie del centro città, sabato e domenica, potrete ammirare la “Passeggiata Levriera”, promossa ormai da anni in varie importanti città europee. Un elegante corteo che ha l’obbiettivo di far conoscere la triste sorte dei levrieri Greyhound e Galgos, tanto belli e nobili quanto sfortunati e di promuoverne l’adozione.

 

GREYHOUND E GALGO: LA STRAGE DEGLI INNOCENTI

Sono ancora troppo poche le persone che, nel nostro Paese, sono a conoscenza del massacro che viene perpetrato nei confronti dei levrieri.

In Gran Bretagna e Irlanda i greyhound sono considerati alla stregua di macchine da corsa, sfruttati per ingrassare l’ente nazionale delle corse (GBGB greyhound board of Great Britain) e far arricchire i trainers. Il greyhound racing è un business che smuove ingenti quantità di denaro, perfettamente legale nei paesi anglosassoni. L’inferno dei levrieri inglesi comincia subito, al momento della loro nascita. I cuccioli di greyhound considerati, secondo criteri del tutto arbitrari, non idonei alle corse vengono eliminati senza tanti complimenti. I “fortunati” che rimangono in vita andranno incontro ad un’esistenza di privazione e solitudine, costretti in gabbie piccole e sporche per 23 ore al giorno, sottoposti ad allenamenti sfiancanti, intimiditi, dopati, lanciati a tutta velocità sulle pericolosissime piste dei cinodromi, dove rischiano incidenti gravissimi, talvolta mortali. Quando invecchiano o si infortunano o non vincono abbastanza gare i trainers decidono di disfarsene ricorrendo, nella migliore delle ipotesi, ad eutanasia. Nella peggiore delle ipotesi, invece, verranno mutilati per renderli irriconoscibili (ad esempio tagliando le orecchie per rimuovere il tatuaggio), ammazzati a martellate, annegati, abbandonati in canile dove troveranno la morte entro pochi giorni. Ma anche cani giovani, perfettamente in forma e in salute vengono buttati via come scarti solo perchè non hanno saputo soddisfare le avide pretese dei loro padroni. L’industria delle corse ha pensato bene di ripulirsi la coscienza promuovendo un falso e ipocrita programma di rehoming dei grey anziani o ritirati, un’abile operazione di marketing scrupolosamente orchestrata per nascondere l’orribile intollerabile realtà. E mentre gli scommettitori inglesi e irlandesi, nonostante le numerose proteste di varie associazioni animaliste, non ne vogliono sapere di rinunciare alle loro serate divertenti al cinodromo, migliaia di cani innocenti perdono la vita ogni anno.

In Spagna, se è possibile, la situazione dei levrieri è ancora più tragica. Qui, nelle regioni più rurali, i galgo (levrieri spagnoli) vengono “utilizzati” dai galgueros per un altro tipo di scommesse sportive nei campionati di caccia alla lepre. La loro vita è una vera e propria tragedia. Vivono stipati in baracche, ammassati in gran numero in spazi angusti, in buchi scavati nel terreno coperti da lamiere. Sin da piccolissimi vengono allenati con metodi disumani (ad esempio legati ad una corda e trascinati da mezzi motorizzati), vengono picchiati, malmenati, bastonati, bruciati, insultati, torturati con ogni mezzo in un’escalation di violenza che li porta ad una morte orribile. Se il galgo è troppo vecchio, o troppo lento, è una fattrice che non può più produrre cuccioli o comunque diventa “inutile”, non ha più speranza di sopravvivenza e sarà ucciso, per tradizione, nel modo più doloroso possibile. I galguero hanno una spiccata fantasia nell’inventare sadiche tecniche di morte: legano i galgo alla catena e li lasciano morire di fame, li gettano nei pozzi con un peso attaccato alla zampa in modo che non possano risalire, li abbandonano con la museruola così non possono sfamarsi, li abbandonano con le zampe spezzate, perchè nonostante tutto questi cani meravigliosi tenterebbero di tornare indietro, “a casa” e molti altri orrori… Ma la pena di morte preferita rimane l’impiccagione. Le campagne spagnole sono disseminate di galgo appesi ai rami degli alberi con le zampe che toccano terra, così che la morte possa essere più soddisfacente per il galguero. Così facendo, infatti, il galgo produce un movimento che viene scherzosamente definito “il pianista” quando muove le zampe su e giù nel disperato tentativo di salvarsi e mettere fine alla lunga e dolorosa agonia che gli è stata inflitta. Un vero e proprio olocausto che produce 60000 vittime ogni anno.

(Fonte: Pet Levrieri ONLUS)

Contact Us

We're not around right now. But you can send us an email and we'll get back to you, asap.

Illeggibile? Cambia il testo. captcha txt

Inizia a digitare e premi Enter per effettuare una ricerca